Oggi è: 29/02/2024 IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA DI ASTI    
 
   
 
 
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
    TUTTE LE NOTIZIE DALLA PARROCCHIA
notizia giorno    
foto news
L'anno che è già qua
Sono sufficientemente allenato per mettere a tacere il chiasso delle prime ore dell’anno e trovare rifugio nel silenzio, nella meditazione e nella preghiera. Perdonatemi se non prendo il trenino con la samba incorporata e non m’imbelletto con cappellini carnevaleschi, fischietti e paillettes, ma sono ancora preso da quest’ultimo giorno dell’ottava di Natale e devo difendere la fragilità di una Parola che chiede ancora uno spazio interiore per trovare casa e poter crescere dentro.
Ci sono luoghi in cui i petardi e i fuochi artificiali sono bombe e missili e il fatto di essere in un luogo in cui si respira una pace apparente non mi autorizza a pensare che a Capodanno vale tutto e si possa fare finta di niente.
La luce della luna e delle stelle è discreta, è un tappeto luminoso che regala pensieri e desideri più vicini al centro del mio essere e a quel respiro che mi è stato donato e chiede di essere restituito.
La liturgia degli auguri e degli abbracci dati allo scoccare della mezzanotte, l’idea che qualcosa possa cambiare a prescindere dall’impegno che metto nelle cose che faccio riescono solo a farmi sentire più triste, perché conosco bene l’atmosfera disincantata e deprimente del giorno dopo.
L’anno che è già qua si vive un giorno alla volta e non c’è nulla di male a inaugurarlo con un buon bicchiere, ma di eccessi, stravaganze e tutto il resto sono decisamente saturo.
Sono contento di aver vissuto bene il tempo di Avvento, di aver celebrato con una certa convinzione e con molto impegno il Natale e dico grazie a chi mi ha aiutato a non smarrirmi tra una celebrazione e l’altra riconducendomi al cuore del mistero.
L’augurio che non pronuncio chiede più tempo, ha bisogno di maggiore approfondimento e non vuole seguire ciecamente le regole di un gioco che consuma le parole prima ancora che diventino voce. Cerco un piccolo spazio inutilizzato del presepe e continuo ad attendere: lontano dai tempi di consegna di Amazon e dall’ansia dei preparativi per l’ultimo dell’anno tutto è incredibilmente più semplice, naturale, vero.



 
 
top
Ritorna alle News
down
New
top
23/02/2024 Al di là delle nubi
16/02/2024 Terra e silenzio
16/02/2024 Digiuno a colori
15/02/2024 Scegli dunque la vita...
14/02/2024 L'ultimo selfie
08/02/2024 Puro
02/02/2024 Prendere per mano
26/01/2024 Uno che ha autorità
19/01/2024 Il tempo è compiuto
12/01/2024 Venite e vedrete
06/01/2024 L’altra Epifania
05/01/2024 Il Natale che ti aspetta…
30/12/2023 L'anno che è già qua
29/12/2023 Ritorno al futuro
24/12/2023 Buon Natale
21/12/2023 Tempo di Grazia
14/12/2023 La Luce è altrove…
09/12/2023 L’ultimo profeta
07/12/2023 Ave Maria
06/12/2023 Diario d'Avvento 5
down