Oggi è: 27/09/2020 IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA DI ASTI    
 
   
 
 
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
    TUTTE LE NOTIZIE DALLA PARROCCHIA
notizia giorno    
foto news
Distanza asociale
La chiamano distanza sociale e non mi piace neanche un po'.
Preferirei "distanza di sicurezza", così, per mettere in chiaro che si tratta di una misura provvisoria legata a un agente patogeno e non a un graduale allontanamento tra le persone.
Qual è l'orizzonte della nuova normalità?
Una nonna che manda cuoricini via whatsapp per evitare l'ipotesi di un altro virus o di un qualunque raffreddore?
Una coppia d'innamorati che cena con un divisorio in plexiglass?
Una pizza tra amici in videochat?
E se gli affetti più cari hanno bisogno di un metro, quante centinaia di metri dovranno distanziare ricchi e poveri?
La poesia del"io resto a casa" mi sta bene sino a quando c'è un reale pericolo e la scelta è quella di tutelare l'altro, ma ho bisogno di credere che passerà questa buriana e torneremo ad affrontare la vita senza ulteriori steccati e muri.
Sembra che l'unica ipotesi di malattia e di morte appartenga al coronavirus, che non esistano più gli incidenti stradali, i tumori, le malattie respiratorie causate dall'inquinamento.
Sembra che l'eccesso di zuccheri non causi più il diabete, che un cuore qualunque non possa fermarsi per un motivo differente da questo virus.
La narrazione quotidiana dei palinsesti televisivi sta diffondendo tanta di quella paura e con l'ansia si può vendere qualunque cosa.
Anche gli spot pubblicitari parlano la stessa lingua e dove c'è barilla non c'è più casa, ma una prigione.
Se quella stessa tecnologia che oggi accorcia le distanze e mi permette di raggiungervi, dovesse accompagnarci a simulare la vita anziché aiutarci a viverla, allora, qualche dubbio è lecito.
Non sono un cospirazionista, ma un essere umano che pensa alla propria salute psichica e quando vede ex manager di grosse imprese alla guida della ricostruzione, si chiede se un popolo sia solo un'altra azienda.
E se domani dovessi raccontare un dio che smette di farsi uomo e diventa totalmente asettico, non avrei problemi nel considerare seriamente un altrove in cui ricominciare da un abbraccio.
Forse sono solo pensieri che appartengono alla fatica di affrontare questo momento, forse alcune domande hanno bisogno di trovare una risposta.
Osservo e osserverò la distanza di sicurezza sino a quando sarà necessario. Quando usciremo da questa parentesi, tornerò a comunicare con il mio corpo e con il limite della carne che indosso: non conosco né voglio conoscere una ripresa che affidi a un'emoticon quel che più non sa dire con le proprie braccia.




 
 
top
Ritorna alle News
down
New
top
25/09/2020 Non ne ho voglia
18/09/2020 L'ultima ora
11/09/2020 Fuori dal coro
04/09/2020 Dal corridoio alla piazza
28/08/2020 Perdente...
21/08/2020 Chi sei?
15/08/2020 Dammi le briciole...
14/08/2020 Al femminile...
07/08/2020 Il mare del silenzio
31/07/2020 Pane e coraggio
24/07/2020 Cose nuove e cose antiche
17/07/2020 Altre parabole
10/07/2020 Parole in gioco
03/07/2020 Area di sosta
26/06/2020 Più o meno amore...
19/06/2020 Non aver paura
12/06/2020 Dopo l'ultima notte...
05/06/2020 Ovunque sei...
29/05/2020 Un dono d'ali
22/05/2020 Dove vai...
down