IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

La zona d'interesse 
sabato, 24 febbraio, 2024, 08:19


La zona d'interesse
Titolo originale: The Zone of Interest
Regia: Jonathan Glazer
Interpreti: Sandra Hüller, Christian Friedel, Max Beck, Stephanie Petrowitz, Lilli Falk, Wolfgang Lampl, Johann Karthaus, Luis Noah Witte, Nele Ahrensmeier, Anastazja Drobniak, Cecylia Pekala, Kalman Wilson, Medusa Knopf, Andrey Isaev, Martyna Poznanski, Zuzanna Kobiela, Benjamin Utzerath
Distribuzione: I Wonder Pictures
Durata: 105′
Origine: UK, Polonia, USA 2023

L'inzio e la fine coincidono in un fotogramma nero disturbante quanto la colonna sonora che celebra le dissonanze di una pellicola fastidiosa e irritante nel mettere in scena una storia che potrebbe tranquillamente ripetersi.
Il vero protagonista è un muro, neanche troppo alto, che divide la famiglia del comandante nazista dal campo di concentramento che dirige.
Non si vede che qualche traccia di quanto accade al di là del muro e sono poche le parole che descrivono con assenza di totale empatia, quella che sarà la sorte di chi abita il campo.
Nella casa si può vivere come se nulla stesse accadendo con grande sensibilità per i fiori o per gli animali. La vita scorre serena, i bambini giocano e un muro è più che sufficiente per mettere a tacere l'idea stessa di una coscienza.
Alcune immagini sono davvero raggelanti nel suggerirti quello che non ti hanno fatto vedere.
Esci dal cinema con l'urlo di una musica insopportabile e non vedi l'ora di ritrovare un po' di silenzio. E sapere che l'uomo può essere anche quello che non hai visto è davvero uno schiaffo violento.



L'anima della legge 
sabato, 24 febbraio, 2024, 07:51


L'anima di una legge non è sulla carta che riporta scrupolosamente le norme e le regole.
Non è neanche nella memoria che ripete con precisione anche il più piccolo e dimenticato tra i precetti.
L'anima della legge è un cuore in perfetto equilibrio tra giustizia e misericordia.
Là dove si mette a tacere ogni dissenso ricorrendo all'uso della forza, anche quando non ci sarebbe alcun bisogno di spegnere una protesta, la legge è solo uno strumento per opprimere.
Là dove regna indisturbata la violenza e il grido d'aiuto dei piccoli non viene minimamente ascoltato, la legge è solo lettera smemorata e inconcludente.
E la migliore tra le leggi è del tutto inutile senza una mente e un cuore fedeli al richiamo di una coscienza realmente vigile.

Come si cambia 
venerdì, 23 febbraio, 2024, 07:52


Si cambia. A volte senza far troppo rumore, con piccoli movimenti del tutto impercettibili nel breve periodo, ma si cambia.
Un'abitudine s'interrompe iniziando a perdere qualche colpo e lentamente si dissolve all'orizzonte.
Da dove viene quella reazione che non hai mai avuto: sarà davvero causata dall'esasperazione di un momento particolarmente negativo o è una realtà che ha origini lontane e si è scavata uno spazio che solo adesso risulta evidente?
C'è un fatto a cui puoi ricondurre quella generosità che si è spenta? Quando, esattamente, hai iniziato a misurare la vita col pallottoliere?
Quell'amicizia che si è raffreddata: eri tu che ti stavi allontanando o era l'altra parte a tracciare il peso di quella distanza?
L'amore che sognavi e pensavi per sempre? Non è così semplice ripercorrere quel sentimento e far memoria di quella trasformazione che ti ha reso estraneo a te stesso. Quel vestito diventato troppo largo o troppo stretto e tu che ripetevi, senza troppa convinzione, di essere sempre lo stesso.
Si cambia e, anche le convinzioni più profonde, le verità di un tempo e la fede di ieri possono scegliere una posizione più comoda e apparentemente tranquilla.
Si cambia e ci vuole una certa consapevolezza di quanto ci accade dentro. Cambiare a volte è perdersi, a volte è farsi più vicino a sé stessi.


Quello che dice la gente 
giovedì, 22 febbraio, 2024, 07:41


La gente dice tutto e non esclude il suo contrario. Parla per sentito dire, perché ne ha letto sui giornali o accodandosi a quella che è ritenuta l'opinione generale.
La gente a volte è interessata seriamente, ma spesso è solo curiosa e desidera sapere per riempire un arco di tempo che si è liberato improvvisamente.
La gente siamo un po' tutti quando siamo un po' tutto e un po' niente, quando scegliere personalmente diventa troppo faticoso e impegnativo, quando essere sé stessi risulta poco conveniente.
Quello che dice la gente è un sentiero già tracciato, un percorso sicuro, una domanda che ha già la sua risposta e formula le proprie convinzioni sul terreno sicuro del largo consenso e di un successo apparente.
E poi, ci sono le volte in cui non può bastare, non è certo sufficiente, quello che di ce la gente. C'è il momento in cui sei costretto ad andare oltre, a trovare una tua risposta realmente personale, a mettere in gioco quello in cui credi veramente.
Quella risposta che è solo tua può diventare esperienza e crescere in quel luogo interiore in cui ci sono poche parole e infiniti silenzi.
Quella risposta chiede ogni giorno di essere riformulata, corretta, messa a confronto col giorno che hai appena vissuto.
Il vero rifugio non è mai in quello che dice la gente, ma nella contemplazione di un volto sofferente che non smette di chiedersi chi è quel Cristo in croce e dove lo puoi incontrare quotidianamente.



Nei panni di Giona 
mercoledì, 21 febbraio, 2024, 07:51


Giona è un profeta anomalo, un essere umano che viene impietosamente descritto in quelli che sono i suoi difetti.
Giona poco misericordioso, pronto a fuggire e a rinunciare alla propria missione.
Giona che non ne vuol sapere di Niniviti che si convertono e di una possibile salvezza per quella terra.
Giona che si nasconde sulla nave mentre impazza la tempesta e sceglie di essere dato in pasto al mare, perché sa di essere la causa di quel tempo malvagio.
Giona che torna sì sui suoi passi e mal sopporta la conversione di quel popolo che fa penitenza e viene perdonato.
Giona che appena sparisce l'ombra agognata arriva a pensare che non valga la spesa di vivere.
Risulta facile identificarsi nella bontà di Dio e giudicare Giona che non vuole assolutamente capire.
Nei panni di Giona dubito che ne uscirei meglio...
Quando la terra diventa veramente ostile è più facile pensare che Dio debba intervenire col diluvio o col fuoco e, pazienza per i Niniviti che in fondo se la sono cercata.
Il desiderio di fuggire, di prendere le distanze da tutto, anche da quel Dio così ostinato nel volerti affidare una parola di conversione che promette il perdono...
Accettare che quella parola sia anche per te e riconoscere che nel momento in cui ti senti migliore, non sei così differente da quel popolo idolatra e infedele.
Nei panni di Giona cerco riparo in una margherita e vedendo come tutto sia incolto e disordinato intorno, attendo di capire se davvero reciderla sia un mio dovere o un mio diritto.



Altre notizie