IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Un albero 
mercoledì, 7 dicembre, 2011, 08:16



Si tagliano alberi secolari per continuare a vivere la favola del natale. Alberi di 37 metri e, se possibile più alti, per quel narcisismo incontrollato che non ha mai smesso di giocare a chi ce l'ha più lungo.
Piccoli abeti per famiglie e altissimi pini da esibire in un falso giardino che accende luci artificiali e ignora del tutto il buio che si porta dentro.
Non è più tempo di tagliare inutilmente un albero, meglio sarebbe piantare una foresta.

L'amico ritrovato 
martedì, 6 dicembre, 2011, 08:09


Trenta lunghissimi anni e forse qualche giorno in più, non sono riusciti a cancellare un abbraccio che dopo poche parole, riaffiora con la stessa naturalezza della gioventù di ieri.
Pensi con intensità a una persona e, misteriosamente, si mette in moto un processo che un tassello dopo l'altro ricompone una storia rimasta in sospeso...
In più di una situazione, la vita sembra rispondere alla misura del nostro desiderio: se non riusciamo a immaginare il volto di una persona, difficilmente riusciremo a ritrovarla e se non crediamo alla possibilità di un abbraccio, anche la realtà sembra comportarsi con la stessa logica.
Le buone notizie, prima ancora di essere un fatto esteriore, appartengono all'interiorità del nostro essere; pretendere di leggere su un giornale quel che non abbiamo scritto nel nostro cuore è un po' come osservare un bicchiere d'acqua nella speranza che guardare sia sufficiente a estinguere la sete.
Le buone notizie vanno ascoltate, lette in profondità e, subito dopo, raccontate come un impegno, una responsabilità che crede profondamente al proprio desiderio e alla sua realizzazione.
1 commento ( 1631 visite )

"Terra Terra" 
venerdì, 2 dicembre, 2011, 09:54


Terra che se l'abbracci non è così difficile camminare...
Terra che il mattino è ovunque e mai giorno qualunque...
Terra che senza affetto ogni cosa è vana comunque...
Terra che se ti addormenti puoi anche riposare.

Terra che inverno può essere dolce di neve e giardino...
Terra che il verbo della crescita è bestemmia egoista...
Terra ch'è tanto stupido ridurre a conquista...
Terra che il tuo prossimo e quello a te vicino.

Terra che scegli il deserto quando è ora di tacere...
Terra che diserti l'appuntamento col mercato...
Terra che ti svegli sereno e muori arrabbiato...
Terra che mescoli il dolore col piacere...

Terra che un seme, pian piano, è già Quercia...
Terra che una bestia deve pur sopravvivere...
Terra che un uomo, per noia, può anche uccidere...
Terra che la coperta ogni giorno s'accorcia.

Terra che attendi uno sguardo consapevole...
Terra che un sogno non può più attendere...
Terra che all'incanto non puoi vendere...
Terra che, terra terra, diventi più socievole.

Le conseguenze dell'amore 
mercoledì, 30 novembre, 2011, 08:25


Ha più colore l'autunno in una foglia
la memoria di un sole ancora caldo
le nervature che si fanno più rigide
piccole aree in cui si spegne la vita.
Ha più silenzio l'albero in inverno
si fa forza e regge il peso della neve
sa bene che la primavera si attende
su questa terra sogna il suo altrove.
Ha più sapore la fatica delle stagioni
l'estate che ricorda il proprio amore
le conseguenze del sogno che si sveglia
e pensa che comunque ogni affetto resta.
6 commenti ( 2831 visite )

Una voce che ritorna 
martedì, 29 novembre, 2011, 09:55


C'è sempre una voce che ritorna, lontana e vicina nel tempo ch'è andato e ritorna, tra i solchi di un vecchio 33 giri o in un nuovissimo mp3.
C'è una voce che ha accarezzato dolcemente i miei quindici anni e continua ad accompagnare quel che ancora manca al mio mezzo secolo.
C'è una voce e ci sono canzoni che sono parte di me, perché non potrei raccontare la mia storia onestamente dimenticando quel vecchio circo prestato alla musica e quelle ore di attesa infinita in compagnia di Walter, Cinzia, Antonella, Anna e tutti gli altri, in corsa per un posto in prima fila.
C'è una voce e ci sono anch'io in quel coro di ragazzi che ripetevano sino alla noia di un nome e impazzivano di gioia quando si spegnevano le luci e aveva inizio l'avventura.
C'è una voce che da "No mamma no" a "Puro Spirito" è ancora qui e tutto quel che vorrei fare oggi, è dire un grazie consapevole e adulto per quanto ha saputo donarmi in quei giorni che, grazie a Dio, spesso e volentieri, ritornano.
2 commenti ( 1346 visite )


Indietro Altre notizie