IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Luce di stelle e candela 
martedì, 29 marzo, 2011, 09:49


Se mi racconti il tuo buio
hai già acceso una luce
piccola e certo modesta
come il lume di una candela
e se tarda il giorno
se viene con ritardo
ti dico la mia oscurità
una seconda candela
la luce più intensa...
chiudiamo gli occhi
una terza candela
restiamo in silenzio
una quarta candela
il cielo là fuori
una quinta candela
le stelle disposte
una sesta candela
tutto l'amore del mondo
una settima candela
la pienezza di luce
il giorno nella notte
la notte nel giorno
lode all'Altissimo
pace ai suoi figli
e vita a ogni uomo
di buona verità.
1 commento ( 1669 visite )

Il castiganazioni 
lunedì, 28 marzo, 2011, 09:36


Non mi risulta che qualcuno abbia consultato Dio prima di impiantare le centrali nucleari in Giappone, nè, pare, abbia preso parte alle due guerre in Irak e a quella in Afghanistan.
Non è la sua infinità bonta ad aver scelto la logica del soldo che moltiplica il contante nella tasca del ricco, sottraendolo dalle casse dei poveri.
E' stato Dio a scegliersi e ad armare i "riformatori" Africani di ieri, diventati improvvisamente dittatori?
Le nazioni e gli stati si castigano già così bene da soli e non mi sembra che abbiano bisogno dell'intervento divino per farsi del male.
Certo, neanche l'ateo più convinto, riuscirebbe a trovare tante motivazioni per indurre l'uomo a fuggire il più lontano possibile dalla bontà divina.
5 commenti ( 1586 visite )

Family snapshot 
sabato, 26 marzo, 2011, 16:26


Il padre rapisce il figlio, affidato alla madre e, momentaneamente assente, per un impegno lavorativo all'isola dei fumosi.
Il figlio è accudito dalla nonna: il padre ne elude la sorveglianza e recupera il pargolo per un fine settimana a Eurodisney, in compagnia di un'altra nota velina, con tanto di precedenti calcistici così come vuole il copione.
Forse è solo un reality nel reality, forse storia vera, forse un trait d'union tra il paradosso di una realtà sempre più effimera e insignificante e il buon vecchio gossip che mai disdegna l'istantanea dell'orrido.
Una famiglia così, potrebbe quasi apparire come testimonial del prossimo family day e dar lezioni d'amore e dei suoi derivati.
1 commento ( 1380 visite )

Più semplice e naturale 
venerdì, 25 marzo, 2011, 11:22


E' tutto più semplice!
Quando lo capisci, inizi a guardare il mondo con altri occhi e, in certi momenti, accetteresti un passaggio sulla prima navicella aliena di passaggio pur di allontanarti da uno stile di vita che non ha nulla di saggio da insegnare.
L'uomo occidentale sceglie di consumare e ritiene superfluo respirare, mangia schifezze di ogni genere e corre su un tapis roulant per combattere l'obesità, si sposta in continuazione e va ovunque senza portare mai dietro se stesso.
L'uomo occidentale sacrifica qualsiasi cosa sull'altare della propria carriera, si occupa degli affetti più cari come pratiche da sbrigare e si rapporta con Dio come un commerciante con i propri fornitori.
L'uomo occidentale ha bisogno di un nemico per affermare la propria esistenza, chiacchiera in continuazione senza comunicare e pensa di essere una monade senza nessuna connessione con i propri simili, con il pianeta che abita e con il mistero della vita.
E' tutto più semplice se abbracci l'infinito come un fatto naturale e provi ad ascoltare le voci di una coscienza che ripete se stessa in qualunque avvenimento, circostanza e persona.
Quando qualcuno inizia a considerarti folle e suonato, è bene evitare lo scoraggiamento: ci sono buone probabilità di essere sulla buona strada perché la memoria si riappropri dei contenuti indispensabili per dare un senso alla vita.
10 commenti ( 1651 visite )

Qui 
giovedì, 24 marzo, 2011, 09:29


Sono luna e sono sole
mentre dimentico lo sguardo
sono qualcosa di più di un corpo
più della mente e del mio nome
dell'oggetto e di chi lo osserva
sono la carezza, l'uomo e il gatto
sono l'albero, il respiro e di più
non c'è più confine, nè orizzonte
indosso il giallo della petunia
viro veloce con ali di rondine
divento il canto d'una ghiandaia
assumo la forma del tarassaco
scelgo di essere l'aria che respiro
e in tutto questo movimento
dissolvo il mistero dell'essere
restando quel che sono in un momento
in un attimo sottratto al divenire.
1 commento ( 1287 visite )


Indietro Altre notizie