IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Il pozzo dei desideri 
lunedì, 9 gennaio, 2012, 16:34


Non lo dice mai nessuno, ma il pozzo dei desideri conduce dritto dritto alla fogna.
Lo stato si fa allibratore e da tempo offre il sogno di una vita nei panni del turista o la magica sestina di numeri che cambierà la vita per sempre: non ha pudore né dignita nel raccontare storie in cui la vittoria, non ha niente a che vedere con la scelta di un lavoro onesto.
Si vince scegliendo accuratamente le proprie amicizie e concedendo le proprie grazie quando il bacio di un principe, aspetta solo le nostre labbra per trasformare una panettiera in un consigliere regionale o un idraulico in un deputato.
Si vince sempre quando ad aiutarti è un commercialista illusionista che fa scomparire un capitale ed è pronto a farlo riapparire dove lo stato latita e non si permette di mettere le mani nel portafoglio dei propri contribuenti.
Si vince tutto e, se non ti resta altra scelta che la lotteria nazionale, risparmia almeno i soldi per due metri di corda e un pezzo di sapone.
Lo stato, sempre più feudo, sempre meno comunità civile, ti raccomanda la legalità per la tua prima volta che sostituisce l'amore con la tua prima puntata sul derby che verrà.
Non lo dicono i nostri parlamentari, ma il pozzo dei desideri conduce dritto dritto dove l'odore dei soldi si mescola con quello delle feci.
1 commento ( 1296 visite )

Dall'altra parte... 
martedì, 3 gennaio, 2012, 10:25


Come si sta dall'altra parte?
Ti sei mai chiesto che tempo fa oltre il confine?
Non immagini neanche quanto sia profonda la sofferenza di chi ricorda bene quanto è accaduto, di chi riceve in eredità parole e gesti che pesano come un macigno sulla vita quotidiana.
Non puoi certo avere un'idea di che cosa significhi affrontare le piccole banalità di ogni giorno, quando sei preoccupato di quel che può accadere a una persona a cui vuoi bene e che riesce a farsi male con le proprie mani.
A volte è un bicchiere o una pasticca, a volte è polvere chimica e, per chi osserva dal punto di vista della sobrietà, non resta che una tristezza muta, un nodo alla gola, un vuoto allo stomaco e, quando si è fortunati, qualche lacrima.
Chiudi la porta di casa e ti abbandoni sul divano con l'unico desiderio di respirare in modo profondo e di ripetere a te stesso che non conosci ancora la fine di una storia, che non hai nessun diritto di giudicare e che devi ritrovare in tempi brevi un attimo di quiete.
C'è un tempo in cui sei ricco di parole che esprimono il senso del sacrificio e, c'è un tempo in cui non hai più nessuna voglia di dare voce a quanto appartiene più alla vita che al mondo delle idee.
Dall'altra parte, non ti resta che una preghiera, un angelo custode e la voglia di ripetere a te stesso che non hai nessuna intenzione di lasciar perdere e di arrenderti.
Apri le finestre al giorno successivo e provi a dire grazie, accarezzi un gatto, bevi un caffé e ne trattieni in bocca l'aroma...
Continui a credere che tutta questa tristezza, alla fine del viaggio, non sarà stata inutile.
3 commenti ( 1529 visite )

Dammi un sogno in più 
venerdì, 30 dicembre, 2011, 08:25


Non desidero il frastuono di una notte, la bocca impastata e lo stomaco pesante.
Non amo più di tanto i trenini che non vanno da nessuna parte e lo spreco di colore di coriandoli e stelle filanti che domani saranno solo spazzatura.
Non mi piace l'odore della polvere da sparo e non attenderò la mezzanotte con due botti di gioia artificiale in mano.
Vorrei limitare il numero di telefonate e di messaggi che sovraccaricano le linee di auguri impersonali e di buoni propositi che il mattino del due gennaio non avranno più alcun valore.
Dammi un sogno in più, soltanto un sogno, la fatica e la volontà di realizzarlo e il tempo necessario per cambiare una delle tante zone d'ombra della mia vita.
Dammi un sogno di più e le parole per poterlo condividere con le persone che amo.
Dammi un sogno in più, la semplicità di due dita di vino e un amico che abbia ancora il coraggio di sognare insieme a me.
9 commenti ( 1749 visite )

La Notte 
venerdì, 23 dicembre, 2011, 09:37


Ciao Rué!
Il post si è perso nella notte di Natale, quando un "hacker", probabilmente un ragazzino, è riuscito a entrare nel sito e ha mandato in palla la prima pagina.
Carmelo e Tsumi hanno rimesso a posto le cose in breve tempo, ma in uno dei passaggi è andato perduto quanto avevo scritto.
In questi giorni ho preso un attimo di pausa e con ogni probabilità scriverò qualcosa per la fine dell'anno.
Un augurio a tutti per il Natale passato e, a presto.
La notte, talvolta, si porta via i pensieri e per quanto siano numerose le memorie a cui ci affidiamo, bisognerebbe conservare meglio la propria agenda mentale. Sorry!
11 commenti ( 1707 visite )

Dentro  
lunedì, 19 dicembre, 2011, 10:22


Non è scritta su una strada differente da quella che percorri abitualmente ogni giorno...
Non si trova a casa del vicino che consideri più fortunato o tra le pagine di un libro scritto per addetti ai lavori...
Non appartiene a una categoria di persone privilegiata o a una casta di eletti...
La Notizia è dentro di te e dentro ognuno di noi: il messaggero ha solo il compito di aiutarti a prendere coscienza di una realtà che puoi constatare se smetti di cercare al di fuori quello che è presente al tuo interno.
Se un giornalista cerca in ogni modo di entrare "dentro la notizia", un uomo di buona volontà, deve semplicemente accorgersi che la notizia è già dentro.
Non diventerà carta e cuore d'incanto, non senza il consenso e la partecipazione di chi la custodisce e ha, ancora una volta, la grande opportunità di provare a pubblicarla col sudore della propria fronte e la verità del proprio cuore.
1 commento ( 1627 visite )


Indietro Altre notizie