IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Monotono... 
giovedì, 2 febbraio, 2012, 09:42


Che monotonia il posto fisso, molto meglio poter cambiare panchina ogni giorno, rallegrarsi della neve o del sole e mangiare a giorni alterni.
Se una battuta come quella di Monti sul posto di lavoro fisso fosse stata pronunciata da Silvio Berlusconi, la rete si sarebbe indignata e le sinistre avrebbero cavalcato l'onda, ma all'uomo trilaterale del Bilderberg e della Goldman, tutto è consentito.
Questo messia del nuovo ordine mondiale è un salvatore che resta perplesso se qualcuno parla in termini di potere delle sue funzioni, certo, siamo tutti convinti che il suo sia servizio e lei abbia a cuore la sorte del nostro paese e non gli interessi di quella fetida categoria di uomini che ha trascinato il mondo in questa prospettiva di investitori, sciacalli & affini.
Chissà di quanto tempo avremo ancora bisogno per prendere coscienza che il mondo dello spread, dei titoli di borsa e della crescita è una bugia che ha appena iniziato a presentare il conto.
8 commenti ( 2587 visite )

Senza paura 
sabato, 28 gennaio, 2012, 15:57


Non ho paura di quel che chiami futuro: quando e se giungerà infine dalle nostre parti, sarà presente e non resterà tale che per una manciata di secondi.
Ha davvero senso perdersi nel girone dei fantasmi inquieti che preannunciano sventure e prendono il comando delle ansie?
Chi guadagna con la paura inventa prima la malattia e subito dopo il rimedio.
Chi capitalizza con l'angoscia continua ad acquistare mezzi che producono morte e distruzione e taglia i contributi all'istruzione e alla sanità.
Bisognerebbe osservare meglio questi feudatari del terzo millennio e rider loro in faccia sino a spazzarli via.
Si tengano pure il futuro di cui ci stanno privando e, mentre restano in attesa di quel che verrà, riprendiamoci il presente e smettiamo di subire quel che sta accadendo: non è inevitabile come potrebbe sembrare.
Senza paura è possibile tornare a decidere chi davvero può cambiare questo tempo ch'è nostro.
Senza paura puoi decidere di non viaggiare inutilmente ed evitare di alimentare il giocattolo del greggio.
Senza paura resti a casa a leggere un libro e, improvvisamente, il gieffe chiude i battenti.
Senza paura puoi evitare di acquistare il cibo spazzatura e premiare chi produce rispettando l'ambiente e scegliendo la qualità.
Senza paura puoi acquistare quello di cui hai davvero bisogno, puoi smettere di sprecare inutilmente e puoi ritrovare il gusto delle cose semplici.
Senza paura, il presente è davvero tuo e, basta aspettare ancora un attimo e ci sentiremo meno soli nel chiedere che la vita sia vita e che il soldo inesistente si converta in pomodori e patate.

1 commento ( 1585 visite )

Carta e penna... 
martedì, 24 gennaio, 2012, 15:44


E' di carta e penna il mio ritorno al futuro. E' un quaderno acquistato in una cartoleria del centro di Genova, è una pilot recuperata in una tasca dello zainetto, è la fatica di scrivere a mano come non mi capitava da qualche decennio.
E' bisogno di fare pace col tempo e di non lasciarsi travolgere da una tecnologia che allunga il passo proprio nel momento in cui ho voglia di rallentare, di fermarmi, di respirare.
Ho osservato un quadernetto nero, l'ho desiderato e in un balzo quantico mi sono ritrovato a scrivere seduto sui gradini di S.Stefano, come se l'anno che corre, fosse il 1979 e non il 2012.
Forse il 21 dicembre non finisce davvero il mondo e i Maya volevano solo ricordarci che questo tempo più che calcolato andrebbe vissuto e nuovamente inventato.
Forse è tempo che questo mondo finisca, perché un nuovo inizio ci restituisca quel che abbiamo perduto.
Traccio su carta e questa piccola antica novità, oggi riesce a commuovermi e a farmi stare bene: benedetta sia l'assenza di una tastiera e di un mouse, per oggi, m'illumino d'inchiostro.
13 commenti ( 2978 visite )

Sogno dunque esisto 
martedì, 17 gennaio, 2012, 09:51


Sogno dunque esisto e come accade sempre, dopo ogni notte c'è un risveglio. L'immagine si dissolve, un corpo si consuma, ma l'essenza di ciò che vive è coscienza e nell'Io sono di Dio, c'è posto per l'io sono di un uomo che non è e non sarà mai qualunque.
Sogno dunque viaggio e in attesa della Luce ho il compito di apprendere l'arte di distinguere i colori, di mescolarli con cura e di fare in modo che la vita non diventi un incubo.
Sogno dunque amo e nella pura astrazione c'è una concretezza che ricorda la necessità di continuare l'opera della creazione e di credere che ogni opera prima di essere tale, è pura immaginazione.
Sogno dunque credo e per quanto possa osservare il vuoto di questa stanza, avverto la presenza e la forza di quanto all'occhio umano risulta invisibile.
Sogno e nel buio di una tenebra persistente, provo a muovere comunque i miei passi e a superare gli ostacoli con l'aiuto e i suggerimenti della voce che dentro risuona.
Sogno e attendo l'epilogo in compagnia dei fantasmi che non vanno combattuti, ma ascoltati e accolti senza nessuna paura.

Etica del lavoro: commenti  
lunedì, 16 gennaio, 2012, 17:35


Ho postato in prima pagina un articolo inviatomi dal Dr Claudio Delfini: se qualcuno desidera commentare può farlo qui!
4 commenti ( 1460 visite )


Indietro Altre notizie