IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Venerdi ore 19.30 
lunedì, 26 settembre, 2011, 09:25


Venerdi sera, alle 19.30, forse riusciamo a ritrovarci per condividere una pizza. Punto di ritrovo l'oratorio e, se volete, c'è un'ottima pizza biologica da asporto in C.so Torino...
Per cortesia postate la vostra adesione!
Ho ricevuto l'adesione di
Rué e moglie
Liliana e marito
Stefania
Cometa.
Buona settimana a tutti.

20 commenti ( 1460 visite )

Un altro pianeta 
venerdì, 23 settembre, 2011, 09:17



Cercavo il centro di un pensiero
pensavo si trattasse di un'idea
credevo fosse ancora una parola
e mi trovai muto dov'era silenzio.
Osservavo i margini del mio corpo
perdevano definizione gradualmente
d'un tratto non c'era più confine
quel che pensavo diviso era unito.
Oltre l'involucro restava la luce
colori mai visti e legami perduti
ogni cosa è al suo posto, avvertivo,
un posto per ogni cosa, sentivo.
Volevo fermarmi un po' di più
non chiedevo ancora, per sempre,
ma non avevo il concetto di tempo
l'energia non conosce prima e dopo.
Tutto era immobile e tutto si muoveva
l'infinito non occupa nessuno spazio
e le stelle sono le note di un accordo
che infine diviene pura coscienza.
La nostalgia mutava lenta in affetto
ora diventava perdono, ora gratitudine,
e quella terra che attende il ritorno
può raccontare storie mai dimenticate.

I sinistrati 
giovedì, 22 settembre, 2011, 09:38


I sinistrati sono stati di sinistra perché cantavano volentieri "La canzone popolare".
I sinistrati ricordano vagamente Berlinguer, ma hanno ottima memoria della deriva della barca di Dalema.
I sinistrati pensavano di essere l'alternativa alla destra e si sono risvegliati in un mondo in cui il soldo non fa differenza di tasca.
I sinistrati votavano a sinistra perché desideravano avere le stesse case e le stesse cose di chi sceglieva la destra.
I sinistrati amavano la pace, soprattutto in casa propria.
I sinistrati scendevano volentieri in piazza quando era ora di far casino.
I sinistrati prediligevano gli scioperi nei giorni in cui scendeva in campo la Nazionale.
I sinistrati a volte erano contro per il gusto di poter affermare il contrario.
I sinistrati attendono pazientemente l'alternativa all'uomo di Arcore, ma pur avendo visto i Tartari, sono ancora lì ad aspettare un tram chiamato desiderio.
I sinistrati non hanno più tessera e partito.
I sinistrati, a volte, vanno ancora a votare, in altri casi disertano le urne per un mare qualunque.
I sinistrati sono orfani delle idee che non ci sono più.
I sinistrati conoscono bene quella calamità chiamata sinistra.
5 commenti ( 1461 visite )

Giardino lento 
mercoledì, 21 settembre, 2011, 10:02


Qualcuno detta a bassa voce
un giardino senza fretta
una panchina per aspettare
una fontana da osservare.
Un passo rallenta e respira
cammina senza calpestare
un piede ascolta la terra
e l'universo in piedi sta.
Ogni apparente separazione
ricorda l'unità senza tempo
il ventre caldo di una donna
la luce soffusa della quiete.
Qualcuno detta a bassa voce
le memorie di un giardino
la folle corsa resta fuori
ed è buono e giusto attendere.

2 commenti ( 1400 visite )

Le fate devianti 
lunedì, 19 settembre, 2011, 09:47


Le fate devianti non abitano nei boschi in compagnia di gnomi e folletti, ma appaiono con maggior frequenza grazie al satellite o al digitale terrestre.
Non sono sciocche come si può pensare e sanno bene che lavorare in un call center può essere stressante e, anche con una laurea a disposizione, oggi, non è così semplice trovare un qualunque lavoro.
Qualcuno ha insegnato loro che la vita può essere più facile, soprattutto se madre natura le ha dotate di un corredo cromosomico adeguato.
Qualcuno le ha iscritte a un concorso o le ha presentate a questo che conosce quello ed è parente di quell'altro.
Qualcuno le ha convinte che realizzare un sogno costa qualche sacrificio e che agitare una borsetta tra le piante può essere degradante, ma se sai scegliere la giusta muta di lenzuola per concederti a uno dei tanti "macho" prestati alla politica, tutto cambia.
Se scegli bene il prodotto, non ha alcuna importanza se latri anziché cantare, se reciti peggio del detersivo che reclamizzi, se non sai neanche leggere una classifica di un qualunque campionato, ma sai sorridere così come conviene.
L'antico mestiere si evolve e questo mondo continua a parlare la lingua dei maschietti che a ogni età necessitano di una o più "badanti" per sfuggire al logorio della vita moderna.
Tutto è comprensibile e ogni debolezza è sdoganata al punto che puoi anche fartene un vanto e trovare numerosi estimatori tra i poveri operai, che hanno comunque la licenza di sognare di fare i presidenti del consiglio a tempo perso.
Le fate devianti possono fare incetta di figurine di calciatori e trovare più di un articolo in prima pagina un po' ovunque: almeno sino a quando gli elfi troveranno gioco facile nel proporre la deviazione come una situazione del tutto lecita e decisamente normale.


Indietro Altre notizie