IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Adesso 
venerdì, 31 ottobre, 2014, 15:28


Io sono dove tu sei...
Proprio adesso sarei lì accanto a te e se tu non fossi altrove da te stesso, potresti continuare a parlare con me e continuerei ad ascoltarti come ho sempre fatto.
Pensi di essere solo in quel ricordo che ci sorprende?
Davvero non riesci a immaginare che il tuo affetto possa raggiungermi?
Continui a fissare il mio nome sulla tomba, ma non sono prigioniero di quel cubo di cemento o di quei tre metri di terra. Sono lì nel momento in cui decidi di venire a trovarmi, ma sono dentro di te per tutto il resto del tempo.
Chi ha pronunciato la mia vita continua ancora a scandire il mio nome e a rendere possibile ogni tuo respiro.
Sono consapevole del tuo amore, anche se non esiste uno strumento che possa accertarne l'esistenza. Allo stesso modo, anche tu puoi credere alla mia presenza e in più di una circostanza hai avvertito la mia vicinanza e ti sei quasi sentito toccare dalla mia presenza...
Lasciati attraversare dalla tristezza; non esiste un altro modo perché il dolore secco e sordo decida di andare via per lasciare spazio alla quiete e alla serenità.
Indossa il tuo sorriso migliore e prenditi cura di chi hai accanto: è il modo più semplice per incontrare il Dio che continui a cercare. Ogni volta che incontri Lui, incontri anche me e tutti coloro a cui ancora vuoi bene.
Io sono ancora qui, proprio adesso, mentre ti accorgi che puoi fermare un istante e trovare in quel frammento tutto quello di cui hai bisogno.
Sia benedetto Dio: in Lui nulla è diviso, in Lui nulla è perduto, in Lui tutto è ancora e sempre, adesso.

Aldilà 
martedì, 28 ottobre, 2014, 11:23


C'è un vecchio ponte che scende a valle e taglia le acque di un ruscello che scorre e mormora il silenzio delle parole.
Aldilà di una delle tante forme di ostilità e di rifiuto, c'è un cane che salta e fa festa per il ritorno del suo amico più caro, mentre una madre appare bambina nella tenerezza, giovane nei movimenti e vecchia nella saggezza.
Aldilà dell'ansia che sottrae il respiro, c'è una casa con finestre che guardano ovunque e un cipresso che non ha mai dimorato in un cimitero.
Aldilà del desiderio di possedere, finiscono le interminabili code di chi rivendica il nulla di una vita che cerca fuori quello che solo dentro si può trovare.
Aldilà dei sogni, oltre l'universo materiale, affiorano le informazioni che raccontano la verità delle altre dimensioni.
Provo a lasciarmi andare, a scrivere una lettera che dall'eterno possa raggiungere un frammento di storia.
Ascolto, respiro, attendo...
Resto vigile e osservo il cammino delle nuvole, continuo a decifrare le carte dei miei giorni e prego che una ruga dopo l'altra mi conducano a saggezza.


Leggero come un aquilone 
sabato, 25 ottobre, 2014, 11:08


Vola sempre più alto
leggero come un aquilone
con le ossa un po' rotte
e un orizzonte più limpido.
Non è più quel brivido
ma un saggio bambino
un bacio sulla guancia
una pastiglia sul comodino.
Lo avresti mai detto?
quel tempo che si fa storia
e lascia orme visibili
per ritornare sempre a casa.
Dieci lustri o cinque decine
un giorno dopo l'altro...
ieri le tinte forti e accese
oggi il tepore del pastello.
Vola sempre più alto
dopo la passione, l'affetto
le parole che si aggiungono
il silenzio che tutto comprende.
1 commento ( 694 visite )

Un treno per dove  
martedì, 21 ottobre, 2014, 11:08


Un treno per dove capita o un treno per tornare a casa...
Un treno per allontanare l'eco delle troppe voci che confondono e destabilizzano...
Un treno con uno scompartimento vuto e un finestrino abbassato...
Un treno senza aria condizionata e un raggio di sole disteso sul sedile di fronte...
Un treno che fischia la banalità di una canzone che ripete un ritornello rassicurante...
Un treno per dire quiete alla lunga coda delle assurde richieste di una vita sempre più decentrata dalle situazioni realmente importanti...
Un treno per evitare di dover spiegare qualsiasi cosa a chiunque te lo chieda...
Un treno che attraversa le campagne e mostra rapide istantanee di un quotidiano che non sia solo l'attesa di quel che viene dopo...
Un treno che non abbia bisogno di raggiungere l'Australia per farti sentire dall'altra parte del mondo...
Un treno in cui comporre e ricomporre un minuto che ci trovi presenti in ogni suo singolo istante...
Un treno perché domani abbia davvero un senso...
Un treno che non rimugini il passato e i suoi infiniti equivoci...
Un treno da prendere ogni giorno, perché il pendolare che abbandona la familiarità con sé stesso, possa rientrare dove il respiro si scioglie liberandosi dai moti dell'ansia e dall'inquietudine...
Un treno per parlare con i propri amici immaginari senza essere condotti tra le mura bianche di un manicomio...
Un treno per conversare con la propria coscienza e per chiamare in causa anche Dio...
Un treno che viaggi dalla mente al cuore e ascolti con la stessa intensità le ragioni e i sentimenti...
Un treno per dove capita o per raggiungere nuovamente sé stessi.

Le mani alzate 
lunedì, 20 ottobre, 2014, 16:29


Si esulta sino a morire...
In una domenica qualunque, giocando con un pallone, segnando la rete del pareggio, si esulta e si muore.
In un paese come l'India, ma poteva capitare ovunque...
Anni ventuno e una giravolta nel cielo per imitare il vecchio campione tedesco: è tanto strano che da un lato qualcuno cerchi di essere originale e dall'altro si conceda all'imitazione.
Un violino a bordo campo, una danza nei pressi della bandierina, un mitra spianato, un cuore tra le dita o le mani alzate del tempo che fu.
E' bello e giusto esultare, ma distendere le mani verso il cielo è più che sufficiente e non sei certo più bravo perché esegui un salto mortale.
Qualcuno sorride perché riesce a trovare divertente la scena di un ragazzo che muore per una sciocca capriola eseguita male.
Il grande spettacolo è ormai parola più che azione e non saprei dire se davvero è ancora sport quel mare di creste che corrono con scarpette di due colori e infiammano il circo, di chi ha bisogno di un nemico e non di un avversario, per sentirsi vivo.
La moviola in campo ci avrebbe permesso di rivedere la morte di un ragazzo e magari di condividerla su facebook.
La moviola nel mondo del pensiero, forse, ci aiuterebbe a ridimensionare lo spettacolo e a mettere a nudo la pochezza delle sue presunte esigenze.


Indietro Altre notizie