IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Sicuro di nuova generazione 
mercoledì, 16 marzo, 2011, 09:12


Sicuro, di nuova generazione, almeno sino alla prossima catastrofe.
Sicuro come i missili intelligenti e le mine antiuomo: dovremo solo aspettare "un atomino".
Non credo a una virgola di quanto affermano i signori dell'atomo. Credo all'evidenza che da Chernobyl a Fukushima ripete lo stesso concetto: la situazione non è mai sotto controllo.
Nell'ipertecnologico Giappone, non in Russia, le centrali nucleari fanno acqua e, davvero crediamo che in Italia riusciremo a fare di meglio?
La mafia resterà estranea a questa non indifferente possibilità di lucro?
Faremo un bel mercato per smaltire le scorie radioattive con l'aiuto della sempre fiorente edilizia pulita o, sceglieremo di sotterrarle nei pressi di un frutteto?
Quando inizieremo a parlare seriamente di energie rinnovabili, di riduzione dei consumi fini a se stessi, di eolico, di pannelli solari per tutti, di quella piccola parte di deserto che potrebbe garantire energia pulita non solo per l'occidente?
Di sicuro, vorrei evitare di leggere le dichiarazioni assurde dei nostri baldi ministri, del governo e dell'opposizione che non fa più ridere neanche i polli d'allevamento.
2 commenti ( 971 visite )

Corpi pesanti 
martedì, 15 marzo, 2011, 11:22


Non è soggetto a gravità il pensiero,
ma un corpo che si intrattiene troppo
in cose che alla materia appartengono
accumula un peso anche quando pensa.
La rondine porta in volo la primavera
e chi abbassa lo sguardo dice terra
non comprende il disegno delle nuvole
si stupisce se la pioggia sarà fango.
La luce non risplende nei corpi pesanti
li attraversa, ma non lascia traccia
quanto è leggero ama distendere le ali
abbandona un affare e sceglie un cielo.
La libertà di viaggiare oltre il finito
non conosce prezzo, nè peso specifico
svuota di orpelli l'esercizio di ragione
medita le incognite di un nuovo mondo.
Un giorno i corpi saranno più sottili
osserveranno dall'esterno l'astronave,
non è che un mezzo per viaggiare la vita
per conoscere il frammento di un mondo.
Ci sono ciliegi pronti al risveglio
memorie che si riattivano improvvise
angeli seduti oltre il velo del traffico
uomini connessi a un'invisibile rete.
8 commenti ( 1597 visite )

Per questo giorno 
lunedì, 14 marzo, 2011, 09:36


Per questo giorno
per ogni singola persona
per il vento che soffia
per le fusa di Uncino
per il telefono che squilla
per quel che c'è dopo uno sbadiglio
per una canzone alla radio
per il vociare dell'asilo
per un messaggio scritto senza abbreviazioni
per il caffè delle dieci in punto
per la primavera dietro l'angolo
per il tiepido inverno
per il monitor che visualizza i miei pensieri
per l'incontro di questa sera
per le tisane allo zenzero e alla cannella
per la messa che ho celebrato
per il libro sul mio comodino
per il cotone morbido sulla pelle
per tutto questo e per quanto potrà accadere
in un singolo giorno che non è mai qualunque,
colgo l'attimo favorevole per dire un grazie.
3 commenti ( 1324 visite )

Sabbia alla sabbia 
sabato, 12 marzo, 2011, 17:48


Cenere alla cenere e sabbia alla sabbia
nel sole che riscalda a mezzogiorno
c'è la memoria di un astro lontano
una parte che ha nostalgia del tutto
una cellula che una parola precede
una destinazione ch'è anche l'origine.
Sabbia alla sabbia e buono sia il viaggio
c'è così tanto da riscoprire e assaporare
un giardino che ripetutamente appare
la libertà di aprire l'occhio singolo
e vedere quel che la mente ignora
e sentire quanto l'orecchio tace.
Non tutto ci è stato detto e mostrato
ma ogni cosa reca traccia ovunque
di quel mondo che è qualcosa di più
di quanto il pensiero riesce ad afferrare
ogni segreto risponde a chi bussa
ogni granello puntualmente ritorna.
4 commenti ( 1195 visite )

Moviola 
venerdì, 11 marzo, 2011, 09:43


Più che in campo, la moviola, la vorrei nella vita di tutti i giorni: -se la rete è fantasma oppure no, m'interessa relativamente
-se si trattava di un fuorigioco o se la posizione era regolare non
aggiunge o sottrae nulla alla mia giornata.
Però, se il tempo che prendo in considerazione, non è un frazione di gioco relativa a ventidue pedatori in campo, ma riguarda la vita quotidiana, la moviola riscuote tutto il mio interesse e mi schiero tra quanti la sostengono.
Non desidero la moviola per rallentare il tempo, ma per restituire alle ore e ai giorni, la coscienza di essere lì, proprio in quel frammento e in quel momento.
Ha senso osservare i video che ritraggono i tuoi bambini e non considerarli adeguatamente nel momento in cui stanno crescendo?
Qual è il significato di un ingrandimento fotografico che ritrae un particolare di ieri, proprio nell'attimo in cui la mia attenzione si lascia sfuggire quell'adesso che non mi vede tra i presenti?
La moviola mette in equilibrio la "movida", più precisamente, la disgrazia di un tempo che annega se stesso nella frenesia dell'alcool e della ricerca di divertimento fine a se stesso che pompa oltre il ritmo naturale di un semplice battito.
La moviola che indossa la lente degli affetti speciali e non teme una goccia salata sulle labbra per ricordarsi il sapore dell'oceano e dell'infinito.
7 commenti ( 1551 visite )


Indietro Altre notizie