IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Un amico 
giovedý, 10 marzo, 2011, 11:03


Hai ancora memoria di quel giorno?
Il giorno in cui ci siam detti nemici
per ignoranza, per viltÓ o per paura
abbiamo iniziato a mietere supposizioni
a vestire la realtÓ di piccole bugie
a creare due ombre timorose di luce.
Non esisteva ieri il tuo nemico
e non ha alcuna consistenza il mio
lo specchio riflette e tradisce
inverte i dati di troppe apparenze
confonde e rimugina l'orgoglio dell'ego
pronuncia parole e le afferma come vere.
Non posso essere il tuo nemico
sono parte di quel che sei anche tu
sono pagina di una storia ch'Ŕ anche tua...
Ŕ tempo di rimuovere il velo
di sciogliere il nodo ostile
di lasciarsi andare dove albeggia l'infinito.
1 commento ( 1290 visite )

Ombraluce 
mercoledý, 9 marzo, 2011, 10:03


E' questo il tempo in cui si cambia,
l'istante che abbandona l'ombra
l'attimo che abbraccia la luce?
E' questo il tempo o devo attendere
ancora aspettare nuova sabbia
misurare i deserti di una spiaggia?
L'ombra che suggerisce nuova luce
il luminoso dal buio rapito
l'eterno che oscilla ora chiaro
l'infinito che scivola ora scuro...
posso decidere che sia solo polvere
posso scegliere che appartenga alle stelle
posso pensare la mano che plasma
posso osservare la vita che bussa
e ogni corpo che sussulta e rivela
la trama di un respiro dal nulla.
E' questo lo spazio del divenire
la terra che emerge dalle ombre
l'isola protetta dalla luce?
E' questo lo spazio da navigare
il sole che scompare ed Ŕ giÓ luna
la primavera dopo un lungo inverno.
1 commento ( 1263 visite )

L'amica del professore 
lunedý, 7 marzo, 2011, 09:45


Un quarto d'ora di televisione in fascia quasi notturna e "zappingando" da un canale all'altro mi imbatto nel professore che dopo Sanremo, si concede anche Amici e si fuma la Maria De Filippi.
"La musica Ŕ finita e gli amici se ne vanno", con tanto di benedizione di chi si Ŕ ricreduto e addirittura convertito alla voce dei talent.
Un mare di critici e discografici che, senza vergogna, continuano a intessere lodi e vengono soverchiati dai fischi quando si ricordano per un misero istante di quella che dovrebbe essere la loro funzione.
Cosý, una battuta di Fegiz su Scanu, necessita di immediata rettifica per non far inalberare i fan del campioncino di due edizioni fa.
La Pettinelli spende mezza banalitÓ che in quel contesto, appare addirittura critica, e gli stessi colleghi le volano addosso.
Dopo il professore, arriva anche la Mannoia e, prima di essere travolto dal duetto con gli occhioni da cerbiatta di una finalista, decido di spegnere il televisore e anche il cervello.
L'encefalogramma della critica musicale Italiana Ŕ ormai piatto, ma non Ŕ tracciabile nÚ tra i solchi di un vecchio 33 giri, nÚ sulla penna che raccoglie gli mp3.

5 commenti ( 1252 visite )

Il camaleonte 
sabato, 5 marzo, 2011, 11:22


Sono un uomo per tutte le stagioni e per ogni etÓ
sono foglia tra gli alberi e poltrona in parlamento.
sono marito con la fede al dito e l'amante ubriaca
sono l'unica opzione del sondaggio e non mi astengo
sono la vita in diretta in un rettangolo di pixel
sono la garanzia del passato e la certezza del futuro
sono il presente in cronaca confusamente differita
sono il profeta dell'aspirapolvere e dello spremiagrumi
sono l'ossessione che entra ed esce dal tuo pentagramma
sono il ritornello che scrive con la destra e la mancina
sono il catalogo degli acquisti, l'agenda del desiderio
sono la riforma, il riformatore e anche il riformato
sono il figlio illegittimo di un decreto e di una postilla
sono le libertÓ che mi concedo e l'amore che si fa partito
sono il divieto di sosta che tanto ti seduce e attrae
sono l'evasione che accarezza le tue aziende offshore
sono la telefonata che ti sistema dove meglio desideri
sono il vigile che chiude sempre un occhio o tutti e due
sono il contributo statale per il tuo nuovo decoder
sono un geroglifico nel letto di rosetta senza stele
sono la rosa dei venti che soffia sul tuo gps satellitare
sono il racconto di un paese astuto e senza intelligenza
sono le pagine di una storia che restaura il medio evo
sono la disattenzione di un popolo privo di carattere
sono il sogno narciso che simula affetto in videochat
sono l'applauso al funerale di chi ho spedito in guerra
sono la miseria a due passi dallo zerbino di casa tua
sono dentro al tuo giardino e bruco l'erba che ti resta.
7 commenti ( 2533 visite )

La via breve 
giovedý, 3 marzo, 2011, 09:23


C'erano due vie, forse anche tre,
la prima aveva il traguardo bene in vista
le insegne luminose e mille indicazioni
il navigatore di serie al tuo fianco
un gioco e ricchi premi per tutti i partecipanti...
C'erano due vie, forse anche tre,
la seconda aveva un lungo viale alberato
il consenso dei genitori e degli amici
un buon nome e un'ottima reputazione
la sicurezza dei passi pi¨ faticosi e lunghi...
C'erano due vie, forse anche tre,
la terza non so bene se veramente esiste
se abita i pensieri e se darÓ raccolto
non conosco nessuno che l'abbia giÓ percorsa
c'erano due vie e forse ho scelto la terza.


2 commenti ( 1456 visite )


Indietro Altre notizie