IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Je suis Charlie... 
mercoledì, 7 gennaio, 2015, 18:55


Ho ascoltato quel che dice la pancia e ho preferito tacere l'assurdità delle parole dettate dalla paura.
Ho preso in considerazione quel che suggerisce la mente e i molteplici punta di vista che troppe volte considerano giusto quel che appare come conveniente.
Ho, infine, ritenuto più opportuno il silenzio e la preghiera che riconducono al mistero di un Dio lontano da ogni fazione.
Pensare che Dio debba per forza scegliere da che parte stare mi sembra una bestemmia. Dio attende ancora che Caino e Abele trovino un accordo e un modo più pacifico di vivere.


1 commento ( 490 visite )

Mia sorella non ha parole... 
venerdì, 2 gennaio, 2015, 09:40


Mia sorella non ha parole
quelle che ancora ricorda
sono di un altro mondo
e suonano poco comprensibili.
Mia sorella non ha parole
bussa spesso alla mia porta
ma non sa dire pane o vino
agita nervosa le sue mani.
Mia sorella non ha parole
porta un velo sulla testa
tre bambini e uno in arrivo
uno per mano e un passeggino.
Mia sorella non ha parole
suo marito proprio non vuole
attende seduto il suo ritorno
e guai se la borsa sarà vuota.
Mia sorella non ha parole
una sosta al centro d'ascolto
ma senza parole è dura capire
senza parole chi ti ascolta?
Mia sorella non ha parole
aspetta impaziente il suo turno
non hai paura del freddo
quando cerchi un piatto caldo...
Mia sorella non ha parole
dovremmo versarne più di una
nascoste tra i pelati e la pasta
perché solo la spesa non basta.
Mia sorella non ha parole
ha bisogno di un maestro
di un verbo e di un pronome
di un aggettivo e di una congiunzione.

Vuoti a perdere 
mercoledì, 17 dicembre, 2014, 11:04


Una festa dietro l'altra, le stesse patatine e la stessa coca cola, le aranciate e le pizze, le nutelle che fuoriescono dagli orecchi che più non sanno ascoltare quel che accade dentro.
La parrocchia concepita come un parco giochi protetto, esonerato da un qualunque compito educativo.
La fuga dei cervelli da un qualunque attimo di silenzio, l'aridità che più non cerca un senso, ma un luogo tra i tanti in cui passare un po' di tempo.
Il nome di Dio che non si pronuncia più, neanche invano: che bisogno c'è di chiamarlo in causa?
Il Natale? Che cosa a che fare Dio con il Natale?
Resiste la forma e svanisce il contenuto, si moltiplicano gli addobbi e crescono le dimensioni dei pacchetti, ma non c'è traccia del dono.
Non è che abbia più tutta questa voglia di perdermi nel ginepraio dei rapporti umani e delle troppe chiacchiere prive di un qualunque desiderio reale di comunicare.
Cerco rifugio nella preghiera silenziosa, nel deserto dove talvolta affiorano i demoni, ma sempre più spesso trovo la compagnia degli angeli.
Contemplo un bicchiere vuoto e accetto di vivere l'assedio del nulla che continua ad avanzare senza darsi tregua.
E quando mi accorgo di non avere niente per colmare quel bicchiere, la sincerità di una lacrima è comunque sufficiente per ricominciare.





Una voce nella notte... 
martedì, 9 dicembre, 2014, 15:19


Una voce nella notte si è spenta cantando una delle sue più belle canzoni.
Una voce che non poteva essere confusa con le troppe voci che provengono dal mondo dei talent, dove regna l'usa e getta dei cinque minuti di celebrità che non si negano a nessuno.
Una voce di quelle che crescevano nelle cantine e si esercitavano per lunghi anni prima di poter trovare l'occasione di un contratto discografico.
Una voce capace di coniugare la melodia e la tradizione con il desiderio di sperimentare e di trovare una dimensione personale e innovativa.
Uno dei primi dischi di Pino Mango, Arlecchino, appartiene alla storica etichetta di Battisti, la Numero Uno, e non è stato un caso se la seconda occasione data all'artista sia venuta proprio da quelle parti...
Oro, Australia, Lei verrà, ma anche Nella mia città, Sirtaki o La rondine sono titoli che hanno arricchito la nostra musica leggera di quello spessore che talvolta latita dai circuiti delle radio e dei lettori di mp3.
Una voce nella notte si è spenta cantando l'oro che ha distribuito in un certo numero di album da conservare e riascoltare; almeno personalmente, ne sentirò l'assenza. Possa il cielo conservare il tuo bel canto!
Ciao Pino.


Il mosaico dell'angelo 
mercoledì, 19 novembre, 2014, 18:09


Bussa il custode alla mia porta
bussa che è tempo di affidare
un mosaico soffice e prigioniero
nel vano di un locale caldaie...
Apri e la tricolore si strofina
salta sicura sulle mie gambe
potrei lasciarla sulla strada
ma il sonno tarderebbe a venire.
Cabiria che ancora torni in sogno
non più acciaccata dai tuoi anni
e l'angelo che lontano sorride
puoi ancora toccarla, la senti?
Una carezza, un'altra ancora
so bene che il sogno sarà breve
un battito d'ali il risveglio
un battito d'ali la vita intera.
Bussa il custode alla mia porta
bussa l'ora in cui si può guarire
l'angelo e la piccola tricolore
accovacciati sul ponte arcobaleno.



Indietro Altre notizie