IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Nel nome del padre... 
lunedì, 2 marzo, 2015, 16:51


Abbiamo ancora la pessima abitudine di caricare le spalle dei nostri fratelli con i pesi che non intendiamo portare in prima persona.
Al di là delle dichiarazioni della sera del Giovedì Santo, continuiamo a pensare che il più piccolo deve "servire" chi è più grande e giustifichiamo tutte le aberrazioni di un potere che fa la ruota come il pavone e riscuote non pochi applausi.
Nel nome di un padre molto "umano" costringiamo un buon numero di fratelli nella giostra dei figli di un dio minore.
Nel nome del Padre di Gesù, i più grandi devono chinarsi verso i più piccoli.
Nel nome del Padre di Gesù, l'unico potere degno di questo nome è nuda responsabilità verso i più deboli.
Nel nome del Padre di Gesù, il concetto di "carriera ecclesiastica" non può che suscitare l'ilarità promessa.
La realtà è così semplice, forse un po' troppo semplice per essere presa in seria considerazione: uno è il Padre e voi siete tutti fratelli.

No comment! 
domenica, 1 marzo, 2015, 16:42


C'è forse bisogno di commentare le parole quando così chiare?
E' un problema di comprensione quello che disabilita i cuori nei pressi della misericordia? Al contrario, è una questione di volontà...
Rinunciare al giudizio, astenersi dalla condanna e rimettere in circolo i gesti che esprimono la riconciliazione: la complessità non è a livello intellettuale, è nell'ordine dei fatti.
Dare senza troppi calcoli, così come il Padre che ci dona questo giorno indipendentemente dall'uso che ne faremo.
Buona settimana!
4 commenti ( 695 visite )

Vola alto 
venerdì, 27 febbraio, 2015, 17:18


Il nemico è dentro.
E' quell'istante di ostilità che accogli e si trasforma in rifiuto e in negazione.
E' l'ingiusta differenza che tratta alcuni come pari e altri come persone di minore importanza.
E' l'amicizia che si fonda sul comune nemico.
E' la strada che cambi per evitare un possibile incontro.
E' il gesto di pace che concedi solo a coloro con cui sei già in pace.
E' guardare il povero dall'alto in basso.
E' quella strana presunzione che ci fa sentire migliori di altri.
E' pensare che Dio sia costretto a stare dalla nostra parte.
E' volare a pochi centimetri dal suolo illudendosi di essere a chissà quale quota.
Il nemico è dentro.
Se provi a sollevarti un po' da terra, improvvisamente, scopri che il nemico è un possibile amico che continui a guardare da una prospettiva del tutto errata.
3 commenti ( 705 visite )

Più della regola... 
giovedì, 26 febbraio, 2015, 17:56


E' utile saper fare di conto e non ignorare l'aritmetica.
E' buona cosa conoscere le regole che garantiscono una vita civile degna di questo nome.
E' importante cercare di osservare le norme del proprio credo religioso e mettere in pratica quello in cui si crede.
Si può fare tutto questo e illudersi che sia sufficiente, ma sappiamo che esistono tante piccole norme che nessuno ha mai scritto e ogni tanto, fanno capolino nel giardino della nostra coscienza:

- ho dato quel che dovevo, ma questo non m'impedisce di provare a essere
più generoso
- ho la legge dalla mia parte, ma è davvero giusta in questo caso?
- ho ricevuto un'offesa e ho tutte le ragioni di questo mondo per
prendere le distanze, ma non è un peccato perdonare.
Possiamo accontentarci di avere le carte in regola o provare a rimescolarle per dare vita a una giustizia più vera e profonda.
4 commenti ( 886 visite )

Chiedi, bussa, cerca... 
mercoledì, 25 febbraio, 2015, 19:56


Non basta tendere la mano per chiedere.
Occorre sapere bene di che cosa si ha bisogno e non tutte le nostre richieste vanno nella direzione delle nostre reali necessità.
C'è chi chiede una serpe e muore di sete e non se ne rende neanche conto.
Per chiedere bisogna accettare la fatica di leggere dentro noi stessi, di mettere da parte quel che affiora in superficie per lasciar emergere quello che si agita nel profondo.
L'intenzione di bussare non produce alcun suono, eppure, non sono pochi quelli che pretendono di vedere una porta che si apre magicamente senza neanche fare lo sforzo di suonare un campanello.
Qualcuno bussa con troppa agitazione e finisce con lo spaventare chi sta dall'altra parte.
Troppi bussano alla porta sbagliata e non si accorgono che l'indirizzo non corrisponde.
Chi bussa con buona educazione e sceglie la porta giusta, prima o poi riesce a entrare in una casa accogliente.
C'è chi si avvia a cercare senza aver maturato un po' di pazienza e pretende risultati a breve termine: non è dato a tutti di cadere da cavallo e anche in quel caso: quando è davvero iniziata la ricerca di Paolo?
C'è chi cerca pomodori dove qualcuno ha seminato patate e vorrebbe raccogliere i fagioli da una pianta di fichi.
Cercare, bussare, chiedere senza un minimo di consapevolezza sono atteggiamenti che conducono su binari morti e del tutto impercorribili.
Il primo passo per venirne fuori è una preghiera costante e prolungata...
Se vuoi raggiungere una qualunque destinazione e ti accorgi di brancolare nel buio, aprire una mappa e provare a tracciare un percorso è qualcosa di più di un consiglio.


Indietro Altre notizie