IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Attraente vertigine 
martedì, 1 febbraio, 2011, 10:47


Lo so! Se quando sono in alto provo a guardare giù, le gambe tremano e lo stomaco si svuota immediatamente. Eppure la vertigine è bella e mi conquista, mi attrae, mi seduce, mi fa sentire libero di continuare a fare esperimenti con questa vita che chiede ancora di salire ad alta quota.
Il tempo non è tiranno così come lo dipingono: a volte diventa un comodo alibi per nascondere quella pigrizia che si accontenta e, in realtà, non gode per nulla.
Rimettere in discussione se stessi, misurare il proprio pensiero nel confronto sereno, studiare prospettive nuove, è ritrovare la gioia di un percorso ad ostacoli, è intuire una novità che sceglie le proprie mani per realizzarsi.
"Si sta, come "a primavera", sugli alberi le foglie".

2 commenti ( 1426 visite )

Parbleu Parboiled 
sabato, 29 gennaio, 2011, 11:28


Potrebbe essere un po' scotto questo piatto di riso postato due giorni fa senza alcun commento, ma alcune varietà del re dei cereali hanno tempi assai lunghi di cottura. Il riso selvatico canadese, ad esempio, nero come il carbone, necessità di 80 minuti per raggiungere un grado ottimale di cottura.
Un buon piatto di riso, ha bisogno di tempo e di attenzione: se i minuti a disposizione sono pochi, allora ripiego su un piatto di pasta, ma resto a distanza da qualsiasi porcheria parbloid e non mi lascio ingannare dalla velocità di esecuzione del riso precotto.
Ultimamente ho scoperto dell'ottimo Rosa Marchetti prodotto in un'azienda biodinamica nei pressi di Pavia e lo alterno con una varietà di riso rosso che è un mezzo spettacolo per la tavola.
Ho pensato per decenni che il riso non mi piacesse più di tanto; da quando ho abbandonato lo scaffale dei parbloid, ho scoperto che mi piace quanto la pasta.
7 commenti ( 1844 visite )

Mare aperto 
venerdì, 28 gennaio, 2011, 18:25


Prenderei il largo e raggiungerei il mare aperto.
Lo farei scegliendo un vento che abbia uso di coscienza e una bussola in cui il nord non risulti taroccato dalla voce dei sondaggi.
Lascerei la penisola dei reality e digiunerei volentieri senza la compagnia di Belpietro, ma anche lontano da Santoro.
Eviterei di spiegare quel che provo al naufrago di un isola lontana, ma gli chiederei il permesso di soggiorno, almeno per qualche mese, il tempo di provare a disintossicarmi.
Vorrei ricordare a me stesso che cos'era la vita prima di diventare il pessimo spettacolo a cui, tutti insieme, stiamo partecipando.
Com'era bello il monoscopio!
14 commenti ( 1864 visite )

Centottanta gradi dopo 
giovedì, 27 gennaio, 2011, 11:10


Mi volto e, dopo anni di destra, di sinistra, di centrodestra e di centrosinistra vedo i centottanta gradi che non avevo considerato.
Non c'è nulla di volgare in un bosco addormentato e non è scurrile l'immensa pianura...
Non c'è gente che si intrattiene tra le lenzuola del premier e non ci sono appartamenti a Montecarlo di dubbia proprietà; c'è l'essenza della vita che un albero qualunque rilascia ogni giorno, c'è lo scorrere delle acque di un torrente impetuoso, ci sono uomini e donne di ben altra statura e dignità.
Centottanta gradi dopo, tacciono le penne e le arringhe, non ci sono plastici e mostri e, il museo delle cere parlamentari si può sciogliere senza lasciare alcuna traccia.
Perché abbiamo diritto a un mondo differente e a un paese che possa essere descritto con tinte pastello e la natura più viva degli affetti.
Perché se non riusciamo a dire basta tutti insieme, allora, posso voltarmi e intuire quel domani che vorrei non lasciarmi alle spalle.
3 commenti ( 1415 visite )

Vorrei tornar bambino 
mercoledì, 26 gennaio, 2011, 11:46


Vorrei tornar bambino e camminare lentamente sul tappeto di foglie di un parco, là dove il mondo va a finire e i conti, liberi da qualunque numero, diventano orizzonti che bussano alla casa dei giorni infiniti.
Vorrei sedermi su una panchina e riappropriarmi della saggezza di un'età che, diventa ridicola, se ti perdi ancora a inseguir gonnelle con capelli incollati e la pelle stirata qua e là.
Vorrei ascoltare le partite di calcio con la radiolina all'orecchio e un gesto della mano che sancisce il disappunto per un rigore non assegnato.
Vorrei accompagnare un nipote a catechismo, prendere un autobus che mi allontani dal centro commerciale e riconsiderare la forza dei sogni che mi hanno accompagnato.
Vorrei fare pace con il creato e chiedere perdono per l'acqua che ho sprecato, per l'aria che non ho respirato e per i troppi mugugni, le recriminazioni e le offese a cui ho dato importanza eccessiva.
Vorrei ricordare gli amici che mi hanno preceduto e continuare a sentire il mistero della loro presenza al mio fianco.
Vorrei un taccuino e una biro per appuntare quel che ancora mi potrà stupire e un nuovo romanzo da scorrere con la fantasia di chi ha ancora voglia di ascoltare una storia.
Vorrei una fede che non diventi ottusa, triste e bigotta.
Vorrei diventar bambino e frequentare un po' di più il mio angelo custode e che il mondo, questo mondo, continui pure a girare veloce mentre per me tutto rallenta e il passo mio sfuma in dissolvenza.
3 commenti ( 1890 visite )


Indietro Altre notizie