IL SITO UFFICIALE DELLA PARROCCHIA    
 
   
 
 
a
Personal Page  
   Contattaci          
   Cerca nel Sito Pagina principale Tutte le notizie La nostra famiglia Il passato Informazioni utili  
   
   
     

Controcanto 
mercoledì, 30 dicembre, 2015, 10:34


Tu getta i piatti dalla finestra mentre io provo a dipingerli di uno dei tanti sogni che mi porto dentro…
Tu lancia il tuo petardo dal balcone e ti risponderò col silenzio che avvolge la mia notte di domande che interrogano il cielo…
Tu assisti pure all’artificio dei fuochi che mi lasciano indifferente e il mio sguardo si accontenterà del lume di una minuscola candela…
Tu sei libero d’ingozzarti di ogni ben di Dio, di assumere alcool sino a star male, io verserò mezzo bicchiere e lo berrò lentamente mentre sussurrerò il mio grazie…
Tu sarai ancora in piedi alle cinque del mattino e io mi alzerò a quella stessa ora per respirare fresca l’aria di quel primo gennaio al mattino…
Tu consuma pure in una sola notte il tuo desiderio di qualcosa di nuovo, io non chiederò novità al calendario, ma prenderò i giorni uno a uno e chiederò al buon Dio l’entusiasmo di un bambino, la volontà di un adulto e la saggezza di un anziano.
Gli offrirò le mie rughe come un pentagramma sulla fronte e cercherò di riprodurre la musica che abita coscienza e cuore.

Ti ho cercata 
giovedì, 9 luglio, 2015, 10:57


Ti ho cercata tra le tante luci che il cielo è solito accendere in queste lunghe ed estenuanti notti afose che rendono più faticoso ogni respiro.
Ti ho cercata lasciando andare quelle lacrime che ho trattenuto nel corso di questo giorno bizzarro e assurdo.
Ti ho cercata nel ricordo di quel sorriso che da sempre ti appartiene e raramente si concedeva qualche pausa.
Ti ho cercata nella decisione e nella grinta con cui mettevi i chierichetti in riga e nell’autorevolezza del musico itinerante che sa sempre quali sono i passi giusti da fare e, conosce la corretta direzione delle proprie note.
Ti ho cercata in quelle estati in cui preferivi restare a casa a cucinare in compagnia della nonna piuttosto che concederti il tempo dei giochi e degli schiamazzi degli altri bambini.
Ti ho cercata perché credo che la vita sia Vita anche quando non ci è più dato di vederla e di riconoscerla con i nostri occhi.
Ti ho cercata perché quando resto in silenzio, quando metto a tacere le voci della confusione e del disordine che mi porto dentro, si fa strada la consapevolezza che nulla è mai perduto per sempre…
L’amore che abbiamo dato e quello che abbiamo ricevuto, tornano sempre a casa.
Un sorriso per te e un abbraccio per i tuoi cari,
Fabio
1 commento ( 1443 visite )

Titoli di coda 
martedì, 31 marzo, 2015, 16:38


Non è più tempo di perdersi in lunghi labirinti di parole: il triduo Pasquale è alle porte e non ci resta che tentare di viverlo sia in forma individuale sia dal punto di vista comunitario.
Se questo sforzo quotidiano di commentare la Parola del Vangelo fosse servito anche solo a una persona, sarei già contento così.
Ci vediamo giovedì sera!

Sono forse io?  
lunedì, 30 marzo, 2015, 20:00


Sono forse io?
Forse me lo sto chiedendo per una delle tante forme d'insicurezza che mi porto dentro, forse potrei davvero essere io.
Quante volte una domanda di questo genere va in cerca di rassicurazione, viene pronunciata con l'attesa di essere sollevati dal dubbio e dalla paura di avere una parte di responsabilità in una qualunque questione.
La presenza di un Giuda qualunque diventa un'occasione per relativizzare il peso delle nostre scelte: se c'è uno che tradisce più di me, il mio tradimento è qualcosa da poco e posso continuare a essere sereno...
O più probabilmente non è così e dovrei leggere a un'altra profondità, una domanda che andrebbe affrontata personalmente, lasciando perdere qualsiasi comparazione ed evitando la mediocre consolazione di sentirmi migliore di chi, apparentemente, sembra essere peggio di me.

La casa dell'amicizia 
domenica, 29 marzo, 2015, 17:03


C'è grande affetto in quella casa e un piccolo segno sul mistero della vita che ha restituito a Lazzaro il respiro...
Ci sono due sorelle che in gratitudine ascoltano e servono...
C'è accoglienza per Gesù e i suoi discepoli e c'è la libertà di un Gesù così umano nel lasciarsi andare al pianto...
C'è una donna che legge nel profondo e sa bene che il tempo di cospargere d'olio il corpo di Gesù, prima della sepoltura, è ormai alle porte...
C'è il tradimento di chi fa di conto con l'altrui generosità e non riesce a capire un dono che non pone misura a se stesso...
C'è tutto questo e ci siamo anche noi che possiamo affrontare questa settimana con il desiderio di risvegliare la nostra capacità di dare, o perdere tempo e battere l'aria con le chiacchiere abili nel creare un alibi al proprio disimpegno.


Altre notizie